L’aspirapolvere ti spia: le immagini di una donna in bagno rubate e pubblicate su Facebook

Ciò che è successo a una donna in Venezuela mette in panico tutto il mondo. Le sue immagini sono state pubblicate online: colpa dell’aspirapolvere

L’aspirapolvere è uno degli elettrodomestici più usati, in casa. Se fino a pochi anni fa l’unica alternativa erano quelli con il filo, che puntualmente si incastrava qua e là, oggi la tecnologia ha fatto passi da gigante. Al giorno d’oggi, infatti, si può optare per quelli senza filo, da ricaricare a ogni utilizzo: leggeri e comodi, ci sono alcuni marchi come Dyson che sono una vera e propria eccellenza del settore.

Aspirapolvere: ruba foto di donne
Aspirapolvere (www.nerdyland.it)

Negli ultimi anni, poi, sono arrivati anche quelli programmabili, che partono da soli e seguono un percorso ben preciso, tornando poi alla stazione base quando hanno finito di pulire o quando sono scarichi. Perfetti per avere il pavimento sempre pulito senza sprechi di tempo, in pochi anni sono entrati praticamente in tutte le case.

In Venezuela, però, è successo qualcosa di totalmente inaspettato. Un robot aspirapolvere, infatti, ha ripreso la propria proprietaria mentre si trovava sul water e le immagini sono finite online.

Il robot la fotografa: immagini su Facebook

Era l’autunno del 2020 e, in Venezuela, alcuni lavoratori del settore dei concerti si sono riuniti in forum online dove chiacchierare del proprio lavoro. Le videocamere riprendevano scene domestiche normali, tra case più o meno ordinate e scene di quotidianità famigliare. In uno degli scatti mostrati, però, una giovane donna con una maglietta viola era seduta proprio sul water, con i pantaloncini abbassati.

A scattare la foto non è stata una persona, ma il suo aspirapolvere Roomba J7 di iRobot. Queste immagini, riprese dall’elettrodomestico, sono state inviate a Scale Al, una startup che assume lavoratori in tutto il mondo per usare audio, video e foto per addestrare l’intelligenza artificiale.

Aspirapolvere: ruba foto di donne
Aspirapolvere (www.nerdyland.it)

Queste immagini, normalmente riprese dagli aspirapolveri con telecamera, dovrebbero essere protette da archiviazione e controlli di accesso molto severi. Proprio quest’anno, però, l MIT Technology Review ha ricevuto ben 15 screenshot di immagini di questo tipo, finite su tutti i social media. Se quella della ragazza in Venezuela la mostra seduta sul water, in un’altra si vede un bambino di otto anni disteso sul pavimento mentre fissa, divertito, l’elettrodomestico.

L’azienda ha confermato che le immagini sono tutte state catturate dai suoi Roomba nel 2020 e che provenivano da alcuni robot speciali con modifiche hardware e software mai presenti sui prodotti messi in vendita normalmente. Questi che hanno catturato le immagini, infatti, sono stati dati a dipendenti pagati che hanno firmato specifici accordi: erano quindi a conoscenza del fatto che le immagini sarebbero state inviate ad aziende terze.

Impostazioni privacy